Italiano

12 ottobre 2018: 23° Pordenone Music Festival presenta Francesco Granata in concerto

venerdì, 12 ottobre 2018

Programma 

Fryderyk Chopin   (1810-1849)   Ballata n. 4 in Fa minore op. 52  

Franz Liszt    (1811-1886)   Châsse-neige (scaccianeve) in Sib minore   dai 12 Studi di esecuzione trascendentale 

Claude Debussy    (1862-1918)   Quattro Preludi dal Primo Libro   n. 7 Ce qu’a vu le vent d’Ouest   n. 8 La fille aux cheveux de lin)   n. 9 La sérénade interrompue   n. 10 La Cathédrale engloutie

Modest Musorgsky    (1839-1881)  Quadri di un’esposizione - Promenade - Gnomus - Promenade - Il vecchio castello - Promenade - Tuileries, litigio di fanciulli dopo il gioco - Bydło - Promenade - Balletto dei pulcini nei loro gusci - Samuel Goldenberg e Schmuÿle - Limoges, il mercato - Catacombe, Con i morti in una lingua morta - Baba Jaga, La capanna sulle zampe di gallina - La grande porta di Kiev

 

Francesco Granata è nato a Milano il 10 novembre 1998.

Si è diplomato in pianoforte al Conservatorio “Verdi” nel 2016 con il massimo dei voti, lode e menzione speciale sotto la guida di Alfonso Chielli. 

Si è perfezionato frequentando numerose masterclass in Italia e al Mozarteum di Salisburgo con Andrea Lucchesini.

Attualmente frequenta il corso di alto perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma sotto la guida di Benedetto Lupo.

Ha ottenuto numerosi riconoscimenti risultando primo assoluto nei concorsi di Tavella, Premio Crescendo di Firenze, Concorso Società Umanitaria, Concorso Bramanti e nell’ottobre 2017 ha vinto la 24ma edizione del Premio Venezia. Ha debuttato in pubblico a soli 8 anni. Da allora si è più volte esibito come solista in tutta Italia (Agimus, Gioventù Musicale d’Italia, Società Umanitaria, Società del Quartetto) e in Francia (Musee Debussy e festival di Chateauroux). Accanto al repertorio solistico alterna l’attività di camerista, suonando in Italia e all’estero. Con la violinista Margherita Miramonti ha suonato per la Società dei Concerti di Milano e per il festival MiTo. A soli 13 anni ha esordito come solista suonando il Concerto KV 595 di Mozart con l’orchestra sinfonica del Conservatorio; nel settembre 2014 ha suonato il Concerto n. 3 di Beethoven con l’orchestra dei Pomeriggi Musicali e ha inoltre registrato lo stesso concerto su dvd presso i Limenmusic studios nella versione per pianoforte e quintetto d’archi di Lachner.

Nella scorsa stagione, sempre con l’orchestra del Conservatorio, è stato pianoforte solista del Triplo concerto e nel Concerto n.4 per pianoforte e orchestra di Beethoven.